venerdì 3 giugno 2016

Su un filo...


A volte mi sembra di barcollare, di vivere su un filo teso, consapevole che prima o poi finirà per spezzarsi, facendomi cadere di testa.
Esami, famiglia, fidanzato, amiche... potrei definirmi la ragazza più fortunata del mondo, e lo sono, ne sono consapevole, ma ho un macigno dentro che mi comprime, che mi blocca in ogni mia "avventura", vivo male tutto, da un bacio fino ad arrivare ad una decisione importante.
Mi sento come se fossi perennemente sotto accusa, mi sento il dito puntato contro, mi sento in più nella vita delle persone che mi stanno accanto, mi sento poco calcolata, mi sento sbagliata..
Ultimamente mi sembra di sopravvivere, non di vivere... sono costantemente alla ricerca di qualcosa che dia una svolta alle mie giornate, qualcosa che renda questi 21 anni ricordabili quando a 90, in casa di cura, mi guarderò in dietro e rivivrò tutto con il ricordo...
Vorrei prendermi una pausa da tutto e da tutti, scappare lontano e ricominciare da capo, questa non è la vita che voglio, non è quello che voglio... non sono io...
Questa Eleonora che vive pigramente la sua esistenza è stanca di tutto, delle liti, della svogliatezza all'università, del poco impegno in qualsiasi cosa faccia, mi sta stretta...
Ma non ho la possibilità di cambiare, se non di poco, ma non mi basta.
Non mi basta mai.
Non mi basta più.

Nessun commento:

Posta un commento