venerdì 21 agosto 2015

Parabatai


Ecco qui il post che dovevo preparare tempo fa... il post sulla mia persona, la mi anima, la mia migliore amica, mia sorella, la mia Parabatai, JESSICA.
Conosciuta sui banchi di scuola nel lontano 2009 per qualche strano scherzo del destino ci siamo incontrate e da allora non ci siamo più mollate.
Lei è semplicemente meravigliosa, probabilmente ora starà sorridendo mentre legge queste righe (ti controllo stronzetta), ma dico la verità, con lei ho un legame a dir poco straordinario, lei sente sempre quando c'è qualcosa che non và, ha sempre la parola adatta per tirarmi su il morale o per farmi combattere con i denti e con le unghie.
Diventammo amiche perché la professoressa di allora decise di cambiare posti in classe e io finii vicino a questa ragazza con la pinza tra i capelli lunghi e boccolosi (che già allora invidiavo da morire), matita nera, maglia e jeans; una persona più "normale" e tranquilla non avrei mai potuto incontrarla (o almeno all'inizio pensavo fosse tranquilla! :) )
Abbiamo iniziato a parlare di vampiri, passione che avevamo entrambe ( se ve lo state chiedendo : si, eravamo fan di Twilight, ma avanti, chi non lo è stato? dai il fascino del bel tenebroso attizza tutte, e 7€ al cinema li abbiamo spesi con gioia pur di vedere Edward diventare un Led e Jacob diventare un figo da paura), abbiamo poi scoperto di essere nate a solo un mese di distanza, io il 15 Febbraio lei il 15 Marzo, di avere la passione per i capelli lunghi, dei libri, e che entrambe avremmo voluto vedere The Vampire Diaries; cosi ci scambiammo di numeri di telefono e non smettemmo mai di messaggiare.
Dal 2009 ad oggi ci sentiamo tutti i giorni a tutte le ore, incessantemente e mai una volta, come ho pensato con altre, mi sono stancata di ricevere i suoi messaggi.
E' la cosa più bella che mi potesse capitare, avere lei che mi capisce al volo, anche solo con uno sguardo, è inimmaginabile.
Tutti pensavano che non saremmo durate, che non la divisione della classe e con la fine delle superiori ci saremmo perse di vista e, non avendo più "nulla" in comune, dimenticate l'una dell'altra, ma signori miei, come si sbagliavano.
Finite le superiori ci siamo legate ancora di più, non avevamo nessun motivo di pensare che ci saremmo separate, perché non sarebbe accaduto.
E quando ricevetti un messaggio da una persona che allora mi disse "io lo so che sei più unita a lei... si vede..." li capii che era vero, era tutto vero, lei era con me, era reale.
A volte do per scontata la sua presenza, il fatto che lei ci sia sempre a qualsiasi ora e in qualsiasi momento della mia vita, sbaglio, lo so, ma non riesco ad immaginare la mia vita senza di lei, senza i suoi occhi azzurri a guardarmi mentre affronto situazioni più o meno difficili.
Amica mia, ti amo come una sorella, ti amo come Augustus amava Hazel, ti amo come James amava Sloane, ti amo come tu ami leggere, ti amo come si ama un'altra persona di cui non si può fare  a meno.
Ti amo amore mio.
Te l'avevo detto che avrei fatto un post su dite, cosi anche internet saprà quanto bene ti voglio, quanto la mia vita sarebbe vuota senza di te.


                                                                                                       Con tutto l'amore del mondo,
                                                                                                                                              Tua P.

2 commenti:

  1. *prende un fazzoletto e si soffia rumorosamente il naso*
    grazie amore <3 anch'io ti voglio taaanto bene <3

    RispondiElimina